Luigi Costacurta e l’idroterapia
di Costantino Iliopulos

Desidero esprimere un'altra volta il mio ringraziamento a lui che per primo ha portato in Italia la naturopatia a casa di tutti con le sue opere, a cominciare con la traduzione della ‘’Medicina naturale alla portata di tutti‘’ di Manuel  Lezaeta  Acharan e di seguito ‘’La nuova Dietetica‘’ , ‘’Vivi con gli agenti naturali‘’, ‘’L’Iridologia‘’ ed ‘’Il nostro bagno di vapore‘’. Oggi voglio riprendere e raccontare il suo amore per l’idroterapia. Alcune pratiche idroterapiche per lui erano molto importanti, come il bagno di vapore, diversi bagni ed infine molto valore dava alla fangoterapia. Egli aveva appreso molto dai padri dell’idroterapia tedesca e soprattutto dall’abate Kneipp;  dava molto valore ad alcune sue affermazioni ‘’Vorrei sapere quale malattia non riesca facilmente ad entrare in un fisico debole, mentre un corpo temprato non è minimamente aggredibile. Io dico che la debolezza fisica apre porta e cancello a molte malattie’’. Ecco allora, l’idroterapia costituita dall’applicazione esterna dell’acqua per scopi curativi. Molti discorsi di Costacurta mi hanno colpito al punto che per me l’idroterapia è stata la disciplina  che ho amato di più e applicato su di me per problemi di salute. L’idroterapia di Kneipp rappresenta un sottoinsieme dell’idroterapia, comprende lavaggi, fasciature, compresse, sacchetti di fiori di fieno, vapori, bagni completi o parziali, affusioni e getti (i getti sono una pratica molto forte che, contrariamente alle affusioni, hanno un effetto di tipo meccanico). Parlava dell’equilibrio termico tra l’interno ed esterno dell’organismo, ossia faceva riferimento alla termoregolazione. L’organismo deve necessariamente mantenere una temperatura costante, quindi, se esiste una differenza tra la temperatura ideale e quella effettiva, l’equilibrio necessario deve essere ripristinato quanto prima. Ora che ci troviamo alla fine dei primi 10 anni del terzo millennio, istruiti tutti secondo una mentalità molto meccanicista e programmatica, il richiamo delle opere di Costacurta è importante perché ci aiuta a rimetterci in contatto con quel mondo naturale che sembra sia stato dominato dalla tecnica e che invece deve ancora essere semplicemente conosciuto di più, soprattutto da noi naturopati. Costacurta diceva che è più efficace un semplice getto di acqua che non molti farmaci potenti, quello che non riesce a guarire un semplice getto di acqua o un impacco di fango o di fiori di fieno, nessuna altro farmaco riesce a guarirlo. Questo potrà cambiare o tacitarne i sintomi, potrà fare mutare le manifestazioni morbose, ma non può portare quella vera guarigione di cui parla Costacurta che è caratterizzata oltre che dall’assenza del dolore e del male, anche soprattutto dalla serenità dell’anima e della fiducia nelle forze della natura. La sua vita è stata una testimonianza continua. Fortificare l’uomo, premunirlo contro l’assalto delle malattie è sempre stato il primo obiettivo degli antichi filosofi greci, che nella salute e nella vigoria del corpo hanno visto il principale elemento ed il mezzo indispensabile, per avere cittadini buoni ed utili alla società. E’ incontestabile che a raggiungere questo scopo serve mirabilmente il sistema idroterapico, il quale tende a rendere ed a mantenere, mediante l’uso  razionale dell’acqua, il corpo vigoroso dalla prima infanzia alla più tarda vecchiaia, nonché a liberarlo dalle malattie più comuni, dalle quali può venire colpito. Parte essenziale dell’idroterapia e del metodo Kneipp– Costacurta. per fortificare il corpo e liberarlo da parecchi disturbi, è il precetto di camminare ogni giorno per qualche minuto a piedi nudi sul terreno o sul pavimento asciutto od umido, nell’erba dei prati bagnata dalla pioggia o dalla rugiada, od anche sulla neve. Ma la vera importanza ed il valore maggiore del metodo Kneipp-Costacurta sta nella sua prescrizione semplicissima d’indossare la biancheria e vestirsi senza asciugarsi dopo le applicazioni idroterapiche, suggerendo le norme perché tale pratica, anziché nuocere, aumenti l’efficacia della cura idroterapica. Ora dopo 20 anni dalla sua scomparsa si può dire che Costacurta dopo Kneipp ha avuto un grande merito come divulgatore della medicina naturale in Italia ed in particolare modo delle discipline igienistiche naturali, tra cui uno dei pilastri è l'idrotermofangoterapia. I libri che ha scritto e le sue conferenze hanno stimolato l'interesse nella società degli ultimi 30 anni, tanto è vero che molti medici seguono i suoi insegnamenti con più o meno ortodossia. Il grande merito di Luigi Costacurta fu quello di rendere in Italia la medicina naturale popolare e alla portata di tutti, capendo l'importanza della divulgazione ai livelli più bassi della società e cercando, con metodi semplici, di guarire più e meglio della medicina allopatica. Con questo non ha voluto sminuire il merito ed i successi della medicina ufficiale in campo tecnologico, diagnostico e anche curativo, ma ha cercato di dare un'armonia ed un'intesa tra le due medicine, facendo recuperare il prestigio e la dignità alla medicina naturale, cosi trascurata dalla mentalità pseudo scientifica vigente.

 


[ 1 ]