Concepimento consapevole
di Maria Dini

Anche la circostanza in cui avviene il concepimento diviene fondamentale per l’essere in formazione. Carlo Tonarelli nel suo libro “Perché e come vivere in modo omeo-biologico” dice che esistono tre tipi di procreazione che danno l’avvio ad esseri con personalità diverse.

“Procreazione di tipo I: procreazione ottimale. Questa situazione espressa da un cerchio perfetto, esprime la perfezione, l’equilibrio, la soddisfazione. Abbiamo qui un ovulo e uno spermatozoo sani e armonici: è una situazione senza egotismo, di pieno amore di grande intensità, in cui uno si perde nell’altro. In cui l’ Eros = grandissimo desiderio di unione, di soddisfazione, di rilassamento, di equilibrio è fortissimo. I genitori di questi bambini sono persone di solito dotate anche di fede, di un credo, che arrivano all’atto sessuale e alla procreazione con grande consapevolezza, anche se trascinati dall’istinto e dal desiderio reciproco. I bambini generati in questo rapporto di tipo uno non diventeranno mai persone importanti dal punto di vista sociale perché basso è, dentro di loro, lo spirito di competitività, di aggressività e prevaricazione verso i propri simili. Questi neonati saranno dotati di grande forza vitale, una forza morale interiore, equilibrati, affettuosi, più portati a conoscere gli aspetti spirituali e contemplativi dell’esistenza rispetto a quelli materialistici. Critici con l’ambiente, riflessivi. Non sprezzanti, ne violenti. Se si realizzeranno lo faranno in silenzio, in sordina portando pace e benessere ed amore nell’ambiente in cui vivono. Es::Gandhi.

Esiste poi una procreazione di tipo II dismorfica. In questo tipo di procreazione si creano dimorfismi cellulari sia nello spermatozoo sia nell’ovulo. Graficamente possiamo rappresentarla come due cerchi non più perfetti nei loro contorni e sfalsati l’uno rispetto all’altro. Questo tipo di procreazione è quella statisticamente più significativa 60%. Questi dimorfismi sono dovuti il più delle volte a sentimenti di repressione ad esempio: l’atto amoroso è vissuto sotto l’ansia. La donna si chiede “rimarrò o non rimarrò incinta” “ è giusto avere questo bambino in questo momento”, “questa è la persona della mia vita”, “che garanzie avrò per mio figlio”, “quale sarà il nostro futuro”? Non vi è fusione emozionale fra i partner, non combinano le emozioni, lo stato mentale –Keats direbbe sono dubbiosi, sospirano e poco si amano-; questo non sarà il figlio perfetto come nel primo caso; sarà un soggetto con ansia, tensione, scarsa fiducia in se stesso, poco contemplativo, facilmente plagiato dai messaggi del consumismo, poco disponibile verso il prossimo, egoista ed egotista. Sono persone di discreto successo sociale perché si uniformano all’ambiente, cercano di trarre le migliori opportunità accettando compromessi con il senso dell’onore e della giustizia. Es.: uomini politici.

Esiste infine un terzo tipo di procreazione, purtroppo sempre più in crescita nella società occidentale, una procreazione di tipo III legata a situazioni di eccitamento, di perversione, situazioni di violenza, di aggressione.

Questi sono i figli della cultura che abbiamo sviluppato attraverso la liberalizzazione sessuale, la ricerca del piacere fine a se stesso, del soddisfacimento degli istinti, persone che hanno perduto il senso e l’essenza della vita. Qui non si muove il sentimento, non esiste nessuna fusione emozionale di coppia, il figlio generato rappresenta un impiccio, un ostacolo alla ricerca della soddisfazione personale, se non addirittura frutto di una violenza. Simbolicamente questa situazione non è rappresentabile con due cerchi, ma con poligoni dismorfici, distanti completamente slegati, non esiste né fusione morale, né rilassamento. Questi ragazzi diventeranno dei violenti sociali, uomini di potere, porteranno odio, terrore e violenza. Con astuzia sapranno prevaricare il prossimo e costruirsi anche delle fortune economiche.

Queste procreazioni sono documentate sempre di più a livello scientifico da forme atipiche di spermatogenesi.”

Naturalmente questa suddivisione non può essere presa rigidamente, ma penso esistano un’infinità di situazioni intermedie. Molti altri poi sono i fattori che influiscono sulla personalità a partire dall’individualità (l’essenza della nostra anima) dalla vita prenatale, all’esperienza nei primi anni di vita fino a tutti gli eventi che incontriamo nel corso della vita e che permettono il nostro cammino evolutivo. Tutto ciò porta alla formazione di migliaia di individui unici e irripetibili.

Nessuno infatti vorrebbe ad esempio adottare un bambino abbandonato, magari frutto di violenza sapendo a priori che diventerà un “mostro”.

Non c’è dubbio però che concepire con consapevolezza sia un buon presupposto per l’inizio di una nuova vita.

 
Prepararsi a concepire

Come già detto  anche l’eredità ha il suo ruolo nella formazione di un individuo sano.

Proprio per questo sarebbe auspicabile prepararsi al concepimento anche dal punto di vista fisico. Entrambi i partner dovrebbero prepararsi alla gravidanza sia per aumentare la possibilità del concepimento e la formazione di ovuli sani e normali (sono infatti statisticamente in aumento le coppie che non riescono a concepire o che vanno incontro ad aborti spontanei), sia per proteggere il feto da anomalie nelle prime cruciali settimane successive al concepimento ed anche per favorire una maggior vitalità al loro futuro bambino.

Ciò non significa costringersi a sacrifici e rinunce, ma prendere questa occasione per iniziare a modificare uno stile di vita errato vivendo questo cambiamento come dono d’amore innanzitutto a se stessi e in secondo luogo al bambino che verrà.

E’ vero infatti che vivere in un ambiente tranquillo, meno frenetico e stressante di quello a cui oggi siamo abituati, migliorare l’alimentazione e trovare il tempo per fare dell’attività fisica è ciò a cui ognuno di noi dovrebbe tendere già per stare meglio con se stesso.

L’alimentazione dovrebbe tornare ad essere ciò che era alle origini, cioè fonte di nutrimento per il corpo e lo spirito e non com’è oggi sostituto di altri bisogni insoddisfatti.               

 
Sostanze da eliminare

L’eliminazione di alcool, fumo tabacco e caffeina è la prima cosa da fare in previsione del concepimento.

Le fumatrici hanno infatti più problemi di infertilità e maggior rischio di aborto, se entrambi i genitori fumano vi è il rischio di una nascita prematura e sottopeso; il fumo riduce l’apporto di ossigeno e di sostanze nutritive al feto, ne rallenta lo sviluppo e può danneggiare il DNA. La nicotina aumenta l’escrezione del calcio e distrugge la vitamina C.

 Gli alcolici danneggiano gli spermatozoi e aumentano il rischio di aborti e difetti alla nascita soprattutto se assunti all’inizio della gravidanza quando la divisione cellulare è al culmine. L’alcool impedisce l’assorbimento delle vitamine del gruppo B, di calcio, ferro, zinco e magnesio e contribuisce ad alzare la pressione sanguigna;  inoltre esso entra direttamente in circolo dallo stomaco e quindi tramite la placenta raggiunge il feto.

Le bevande contenenti caffeina  per il loro effetto diuretico deprivano il corpo di acqua e preziosi minerali  e interferiscono con l’assimilazione di calcio, magnesio zinco e ferro.

Ogni persona nella civiltà industrializzata consuma ogni anno circa cinque chili di additivi, assume 1gr di metalli pesanti e assorbe 4,5 litri di pesticidi spruzzati su frutta e verdura; assorbe circa 3 Kg di nitrati che nell’organismo si trasformano in nitriti cancerogeni

Questo carico tossico si accumula nell’organismo influendo su salute e fertilità.

Il piombo si accumula in presenza di bassi livelli di calcio zinco e manganese e ferro e ad alti livelli può danneggiare spermatozoi e ovuli. Può essere eliminato con l’assunzione di vitamina C.

 Il mercurio presente in pesticidi e fungicidi e nei processi industriali causa calo della libido e impotenza.

L’alluminio di pentole, deodoranti, additivi alimentari e fogli per alimenti, provoca a lungo termine perdita di minerali e distrugge le vitamine.

Sarà quindi molto importante ridurre e se possibile eliminare completamente alimenti trattati con pesticidi, alimenti industriali contenenti coloranti, antiossidanti e conservanti sia generici che antimicrobici  sostituendoli con cibi  naturali, non lavorati,  provenienti da agricoltura biologica.

Anche lo zucchero bianco è una sostanza da evitare, è un potente decalcificante, mentre in gravidanza sia la donna che il feto hanno bisogno di molto calcio. Lo zucchero inoltre influisce sul sistema immunitario: appena 80 grammi di zucchero riduce del 50% l’attività dei globuli bianchi.

 
Alimentazione consigliata

Iniziare a ad alimentarsi in modo sano prima del concepimento e sicuramente necessario, ma può non essere sufficiente. Nel corso degli anni infatti le sostanze tossiche si accumulano nel nostro corpo; una coppia potrà così decidere con largo anticipo di iniziare un periodo di disintossicazione. Questa dovrà essere individuale in relazione alla vitalità, al luogo, alla stagione e agli impegni personali. Possono essere utili brevi digiuni, diete a frutta o monodiete .Seguirà poi un periodo di graduale reinserimento degli alimenti con utilizzo di alimenti rivitalizzanti. Da questo momento in poi si seguirà una dieta completa seguendo possibilmente le combinazioni alimentari.

L’alimentazione si baserà su cereali integri nelle loro componenti naturali. Essi sono caratterizzati infatti dalla conservazione di tutte le loro componenti comprese quelle contenute in minima quantità come la vitamine, gli oligoelementi e gli enzimi che sono fondamentali per il mantenimento dell’equilibrio nel nostro corpo. Nei cereali integrali è presente infatti il germe che viene tolto invece nella raffinazione; è la parte del chicco che contiene la vita cioè la capacità di dare origine ad una nuova pianta ed è quindi logico non rinunciarvi in preparazione all’inizio di una nuova vita; contiene inoltre acidi grassi insaturi, molto utili all’organismo. I cereali integrali, sono inoltre ricchi di fibre necessarie per una buona funzione intestinale ed in genere non sono sterilizzati e quindi contengono batteri ed enzimi che contribuiscono a integrare la flora batterica intestinale che oltre a contrastare la proliferazione di quella patogena, è in grado di produrre vitamine essenziali per l’organismo (vit. B12 e K).

Naturalmente tutti gli alimenti dovranno essere coltivati con concimi organici, senza l’utilizzo di prodotti chimici; si useranno quindi riso, mais, miglio, orzo, segale, frumento, avena in chicco oppure sotto forma di fiocchi.

La verdura sarà ovviamente di stagione, di coltivazione biologica, cruda soprattutto d’estate in maggior quantità,  meglio se utilizzata come primo piatto, ed in parte cotta al vapore o stufata.

Utile sarà la riduzione del consumo di carne che però andrà sostituito da altri alimenti ricchi di proteine come i legumi, le uova, i formaggi (senza eccedere) soprattutto freschi, ed i semi oleosi. Come condimento si utilizzerà olio extravergine di oliva spremuto a freddo utilizzato crudo.

Andranno evitate le associazioni alimentari che richiedono processi digestivi che interferiscono fra loro (es. amidi e proteine, proteine di origine diversa); la frutta  sempre di stagione sarà consumata lontano dai pasti per evitare fermentazioni .

Naturalmente saranno da evitare tutti i cibi spazzatura e quelli che contengono calorie vuote senza apportare nutrienti (zuccheri raffinati, grassi vegetali di dubbia provenienza).

Se si è persone particolarmente amanti dei dolci questi possono essere utilizzati saltuariamente se prodotti in casa con zucchero di canna, miele ecc. ed ingredienti naturali oppure sostituiti con frutta essiccata: mele, fichi ecc.

Alcune sostanze risultano particolarmente utili per favorire il concepimento, ma vanno naturalmente assunte non allo stato singolo ma favorendo l’utilizzo degli alimenti che le contengono.

 


[ 1 ]